Come installare correttamente un manometro industriale “tutto inox”

Prima di installare il manometro è necessario verificare che:

· l’acciaio inox del manometro sia compatibile con il fluido di processo e che la temperatura del fluido rientri nei limiti specificati dalla scheda tecnica del prodotto.

· non vi siano colpi d’ariete nell’impianto, in tal caso non montare mai il manometro in maniera diretta: un eventuale colpo d’ariete ne comprometterebbe la taratura ed il corretto funzionamento; interporre quindi tra il manometro ed il processo o una valvola salva-manometro o una valvola di esclusione ;

 

· non vi siano pulsazioni, in tal caso interporre tra il manometro e l’impianto un ammortizzatore di pulsazione ;

· non vi siano vibrazioni, in tal caso montare il manometro a parete o su di un supporto fisso e collegarlo per mezzo di un tubo flessibile all’apparecchiatura vibrante, nel caso non fosse possibile, assicurarsi che il manometro sia riempito di liquido antivibrante.

Una volta verificate le condizioni sopra descritte, è possibile passare al montaggio del manometro inox :

· per avvitare il manometro inox agire sul perno di attacco al processo per mezzo di una chiave di serraggio. Non agire mai sulla cassa né su un’eventuale separatore o sulle parti che collegano il manometro al separatore. Stringere sufficientemente il manometro in modo da evitare perdite.

· Quando l’attacco del manometro ha una filettatura cilindrica, si consiglia di applicare una guarnizione di tenuta compatibile con il fluido di processo; nel caso di filettature coniche è consigliato applicare intorno alla filettatura del teflon o del frenafiletti. Per manometri inox con filettatura conica, l’utente può orientare la cassa nella direzione desiderata anche quando lo strumento è stato avvitato al massimo. Quando è presente una filettatura cilindrica, invece, non è possibile orientare la cassa del manometro, in questo caso è necessario utilizzare un morsetto o un dado di serraggio.

· Fare attenzione per i manometri montati a parete o a quadro, alle eventuali dilatazioni termiche del tratto terminale della tubazione che si collega allo strumento.

· Si consiglia l’applicazione di una valvola di esclusione tra il manometro ed il processo in modo tale da poterne verificare periodicamente la taratura o per facilitarne la sostituzione in caso di rottura.

Infine, è importante conoscere la pressione d’esercizio :

La pressione di esercizio, se costante, non deve mai superare il 75% del valore del fondo scala del manometro. I manometri sopportano una sovrapressione pari al 25% del valore del fondo scala per campi fino a 60 bar, e del 15% per campi superiori ai 60 bar. Per pressioni fluttuanti la massima pressione d’esercizio non deve superare la metà del valore del fondo scala.